Stéphanie Nava, Ad locum venire


Preview 5 marzo 2015 ore 18.30
6 marzo - 24 aprile 2015

La Galleria Riccardo Crespi presenta Ad locum venire una mostra personale dell’artista francese Stéphanie Nava.

A partire dal disegno, Stéphanie Nava ha sviluppato una pratica ibrida che utilizza installazione, fotografia e occasionalmente animazione e video. Il suo lavoro ci porta ad attraversare spazi emotivamente carichi di suggestioni e memorie, minacce e promesse. I suoi paesaggi e le sue installazioni creano in pochi metri quadrati luoghi mentali capaci di portare lo spettatore in un viaggio spazio-temporale perturbante. I lavori di quest’artista rivelano una forza vitale prorompente e straniante, fondendo in maniera sottile spazi domestici e paesaggi architettonici.

Il titolo della mostra Ad locum venire (Il luogo d’arrivo) rimanda immediatamente a quello che è il fulcro concettuale di tutta l’opera dell’artista: l’interesse per i luoghi che vengono indagati minuziosamente e nella loro specificità spaziale e geografica, per scoprire quali e quante relazioni si sviluppano in essi.

In mostra, una serie di disegni su carta, Reprises, che testimonia la fascinazione dell’artista per i luoghi, vicini o lontani che siano: dalle Fiandre all’Estremo Oriente, passando per la Persia, lo spazio di Stéphanie Nava è costantemente abitato. I suoi personaggi si muovono in esso prendendone forma, ma al contempo adornandolo di nuovi significati e rapporti di forza che costituiscono una vera e propria narrazione. Così pure nella serie fotografica Avec perspectives intérieures, l’artista coglie i rapporti reciproci di alcuni interni, rivelando le intime connessioni delle architetture.

Anche la suddivisione degli spazi della galleria non sarà casuale, con una netta prevalenza degli spazi “umanizzati” al piano superiore e un abbandono alla natura più libera nello spazio inferiore con la serie Archipel, in cui macchie di china si prolungano in paesaggi e personaggi, e l’installazione Le cours figé des lignes che ricostruisce il greto di un fiume che percorre la galleria.