Ludovica Gioscia, Vermilion Glow Bleeds Rust


Preview 25 Settembre 2013 - h. 18.30
26 Settembre - 31 Ottobre 2013

La Galleria Riccardo Crespi presenta Vermilion Glow Bleeds Rust, mostra personale dell’artista italiana Ludovica Gioscia.

Il riferimento linguistico riecheggia i nomi altisonanti ed iperbolici ma spesso completamente privi di logica di alcune categorie di beni di consumo, in particolare i cosmetici: l’artista infatti colleziona ossessivamente da molti anni materiali collegati ai fenomeni che intende indagare, dalla subcultura dei Paninari alla pubblicità, dalle carte da parati alle riviste.

Gli interessi principali di Ludovica Gioscia sono i meccanismi di vendita e l’antropologia sociale: le opere che ne risultano sono ibridi all’interno di un’estetica d’intrattenimento di massa. Fortemente legata ad un’idea barocca, la sua pratica esplora l’edonismo attraverso la Storia e mostra le nostre dinamiche dalla compulsione per la distruzione, che permette al ciclo del consumo di esistere, alla pornificazione dei media, in cui è sempre più presente un’estetica ai confini con la scatologia.

Fulcro dello spazio inferiore della galleria è il nuovo “campscape” Description de l'Egypte, che prende il titolo da un’omonima raccolta di litografie compilata da artisti e studiosi inviati da Napoleone a documentare scientificamente l'antico e il moderno Egitto tra il 1798 e il 1801 e trae ulteriore spunto dalle novelle di JG Ballard, in particolare Hello America del 1981, in cui l’autore descrive il panorama di un’America desolata con banche e shopping malls sommersi da sabbia di ruggine, creata dalla polverizzazione di decenni di macchine abbandonate.

Quella che Ludovica Gioscia propone è una nuova archeologia: il campscape è infatti una particolare tipologia di lavoro che si ispira ai complessi allestimenti di presentazione dei prodotti nei centri commerciali. In questa nuova opera, l’artista utilizza come supporto tavoli usati da anni nel suo studio e che hanno accumulato anni di stampe, tagli, buchi, cui ha aggiunto altri oggetti provenienti da ulteriori archivi di packaging, un vero e proprio paesaggio archeologico in cui prodotti attuali vengono nascosti per essere riscoperti da futuri scienziati.

Sempre più presente nel lavoro della Gioscia il bisogno di rapportare il corpo umano all’universo degli scarti, qui l’atto del consumo è inscindibile dalla dinamica dell’ingerire – digerire – espellere. A tal proposito, come il corpo si serve di organi, l’artista ha costruito strutture e dispositivi che permettano alle sue opere di esercitare le medesime dinamiche.

Completa la mostra una sorta di campionario di carte da parati ideate e realizzate interamente dall’artista secondo una procedura che le è ormai connotante, in cui la Gioscia ricerca e “digerisce”, semplificando e ripetendo, immagini complesse, rendendole quasi un logo improntato al marketing.

L’operazione ha ancora una volta un riferimento archeologico, benché si tratti qui di archeologia industriale: i centri di produzione artigianale intorno alla zona di Calasetta in Sardegna, futura meta di residenza dell’artista presso la Fondazione MACC.