Tamy Ben Tor

Il lavoro di Tamy Ben-Tor subisce e vive di numerose contaminazioni: Cindy Sherman, Kara Walker, Alex Bag, Kafka, il teatro Yiddish e la tragedia greca. Come la Sherman, Ben-Tor usa costumi, parrucche e trucco per trasformare se stessa e dare vita ad una innumerevole varietà di personaggi femminili che recitano monologhi surreali. Questi, il genere di personaggio che non ameremmo ritrovarci accanto su di un volo transoceanico, sono bigotti, petulanti, amari bistrattati e familiarmente snervanti. 

Tamy Ben Tor, Hip Hop Judensau America, 2006